The Strikeballs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
The Strikeballs

Ultima formazione ufficiale 2015
Paese d'origine Italia Italia
Savignano Sul Rubicone
Genere Rockabilly
Swing
Country
Surf
Rock
Hawaiian music
Periodo di attività 2008 - in attività
Email thestrikeballs@live.it
Pubblicazioni 5
Studio 2
Demo 1
Compilation 2
Sito web
Facebook
Logo Strikeballs.png

Gli Strikeballs sono un gruppo rock’n’roll italiano formato all’inizio del 2008 a Savignano sul Rubicone, in provincia di Forli/Cesena. Nei loro brani swing, rockabilly, country e surf si mescolano in un concentrato dal sapore californiano di fine anni '50.

arteraBiografiaartera[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi mesi del 2008 nasce la band "The Strikeballs[1] ". I fondatori, Soren Ghirardi alla chitarra, Pier Paolo Pacioni al contrabbasso e Enrico Bocchini (Mao) alla batteria, suonavano insieme già da tempo in una classica formazione rockabilly;[2] un gruppo di amici che riproponeva i grandi classici americani degli anni 50: da Elvis Presley a Little Richard, da Chuck Berry a Johnny Cash. Nell'estate del 2007 il trio aumenta le esibizioni dal vivo e decide di intraprende la strada della composizione inedita. Proprio in quel periodo partecipano al primo "Puppola Rockfestival"[3] di Gambettola dove conoscono il futuro front-man della band Enrico Giulianini: cantante e sassofonista[4]. Qualche mese dopo i quattro si presentano al pubblico col nome "The Strikeballs"[1] e registrano la prima "Demo" presso lo "Studio 21" di Savignano Sul Rubicone. Nei successivi live il gruppo appare rivoluzionato anche nel look: camicie country bianche, fiocchetti rossi e scarpe da boogie diventano subito la prerogativa della band.

Nell'estate del 2009 pubblicano il loro primo album "Grand Roulette" registrato e prodotto dall' "Atomic Studio" di Longiano. Una raccolta di undicici brani inediti e due cover in cui swing e boogie si mescolano a country, hillbilly e dixieland con una spruzzata di surf strumentale dei primi anni ‘60. Nell'estate del 2011 la band si mostra al pubblico con una nuova formazione; al posto del batterista Enrico Bocchini (occupato in altri progetti musicali [5]) subentra un giovane batterista già noto[6] al gruppo: Francesco Buda che, nonostante la sua giovane età, vanta una buona conoscenza del jazz e del rock blues anni 60. Nell'autunno del 2012 la band è costretta ad affrontare ulteriori cambiamenti; la difficoltà nel conciliare interessi e tempo libero portano Enrico Giulianini (Giulio), voce e sax storica della band, a lasciare il gruppo[4].

Nell'agosto del 2013 gli Strikeballs si presentano al "Let It Beer" di Pesaro con un'insolita formazione che sorprende e stupisce il pubblico presente; Il chitarrista Soren è la nuova voce solista della band mentre la violinista Lucia Solferino è la nuova [7] "carta vincente" degli Strikeballs. A fine luglio del 2014 pubblicano il loro secondo album "Al Verde" autoprodotto e masterizzato presso la "Little Box Studio" di Santarcangelo di Romagna, che vede la partecipazione straordinaria di Enrico Farnedi [8] alla tromba. Con "Al Verde" Gli Strikeballs avviano importanti cambiamenti musicali: agli storici movimenti jive vengono accostati ritmi che rievocano balli tropicali e romantiche danze dell'america latina. Nell'ottobre del 2014 la band debutta in Germania al "Rockabilly Convention" di Pullman City e tre mesi dopo parte per il primo tour internazionale [9], promosso dalla Rocking Steady, che conta importanti tappe in Germania e Repubblica Ceca. L'estate 2015 registra numerose apparizioni live della band che si rende protagonista anche come buskers [10] in importanti festival della zona quali Ferrara Buskers Festival e Santa Sofia Buskers Festival. Nel dicembre del 2015 gli Strikeballs partono per il secondo tour internazionale [11] che li vede ora presenti anche in Svizzera. Nei primi mesi del 2016 iniziano le registrazioni delle prime tracce del terzo album della band, iniziano anche le prime prove per il ricco calendario estivo. Il 5, 6 e 7 luglio gli Strikeballs vengono invitati a Mercantia 2016: 29° Festival internazionale del teatro di strada di Certaldo.

 

Influenze Musicali[modifica | modifica wikitesto]

Ferrara Buskers 2015

I The Strikeballs hanno sempre mantenuto un sound di base puramente anni 50, ma in più brani è evidente la contaminazione di altri generi musicali legati alle diverse esperienze dei propri componenti:

  • Soren Ghirardi - ha incominciato a suonare la chitarra da autodidatta durante il periodo liceale. Tra i suoi primi ascolti spiccano i grandi classici della musica americana anni 70. E' sempre stato attratto dal fingerstyle di Mark Knopfler e da sonorità più hard rock stile Ac/Dc. Nel 2006 entra a far parte della band "Bufalo a Billy"[2] e si appassiona alla musica anni 50 in particolar modo alla tecnica di Brian Setzer e al sound trascinate di Eddie Cochran e Buddy Holly.
  • Pier Paolo Pacioni - ha suonato per qualche anno il clarinetto sotto la guida del Prof.re Fabio Bertozzi. Nel 2002 incomincia a suonare il basso elettrico da autodidatta e insieme ad amici fonda il trio "La Combricola" gruppo punk hardcore italiano. I suoi alscolti giovanili variano da sonorità alternative (stile Radiohead, Muse) ad un sound più accattivante (stile Rancid e Nofx). Nel 2006 si avvicina alla musica anni 50; entra a far parte dei "Bufalo A Billy"[2] e incomincia a suonare il contrabbasso da autodidatta. Nonostante i suoi ascolti siano molto vari ha sempre mantenuto un legame particolare col punk californiano che spesso ricerca anche in altri generi musicali.
  • Lucia Solferino - incomincia lo studio del violino all'età di sei anni sotto la guida della Prof.ssa Emanuela Grassetto. Nel 2012 si diploma all'istituto di alta formazione artistica e musicale (pareggiato ai conservatori statali) G. Lettimi di Rimini con la votazione di 9,00. Si perfeziona con i violinisti Maurizio Sciarretta, Emmanuele Baldini e Marco Rogliano. In seguito si esibisce in varie orchestre locali e in varie formazioni di stampo sia classico che leggero. Nel 2013 entra a far parte dei "The Strikeballs" e affianca i propri studi classici a sonorità vicine al country e hillbilly. Nella primavera 2015 si esibisce su Canale 5 per la trasmissione "Amici".
  • Francesco Buda - inizia a suonare la batteria all'età di quindici anni sotto la guida del Prof.re Oleandri Glauco. Con i primi studi jazz scopre i grandi batteristi di quel genere, uno tra i tanti Buddy Rich. Tra i suoi ascolti non mancano sonorità a volte rock-blues, a volte tendenti all'heavy metal (stile Metallica). Nel 2010 entra a farte degli "Eagles Road" gruppo cover anni 70 e l'anno successivo lo vede batterista ufficiale dei "The Strikeballs" ampliando le proprie tecniche al sound rockabilly, swing e country. Nel 2012 è anche batterista nei "Chuckson", gruppo tributo a Jimi Hendrix.

In versione buskers[modifica | modifica wikitesto]

Oltre ai concerti nei locali gli Strikeballs si propongono spesso anche in versione buskers (artisti di strada)[4], esibendosi in versione acustica, un modo diverso e divertente di incontrare il pubblico. Hanno partecipato come artisti accreditati a festival internazionali quali: Ferrara Buskers; Buskers Festival Santa Sofia; Imola In Musica; Cioccoshow di Bologna...

arteraPhotogalleryartera[modifica | modifica wikitesto]

arteraGrand Roulette (2009)artera[modifica | modifica wikitesto]

Con il primo album "Grand Roulette" gli Strikeballs manifestano tutta la propensione al rock'n'roll, tra divagazioni jazz-blues e un cantato contemporaneo che rievoca le grandi voci 50's e 60's italiane. Così swing, rock, country, rockabilly, hillbilly e dixieland, si mescolano in un concentrato dal sapore californiano di fine anni '50, che Giulio (sax e voce), Pier (contrabbasso), Soren (chitarra) e Mao (batteria) sublimano in sperimentazioni post-jazz creative e d'avanguardia. Il risultato fa sognare le spiagge e il surf con l'incipit di "Big Red Surf", mentre "Diamond Stomp" è coerentemente rock. Il "Duka di Kent" palesa un country folk d'annata e vivace, che spiazza sincopata vocalità effervescente e "What Do You Want" riesamina l’R’n’B degli anni 60's. La scoppiettante "Mud On The road”; rievoca la Death Valley americana, la vivace "Delusa" e la conclusiva "Too Much Money": brillante e possente nel suo jazz corposo.


Grand Roulette è stato registrato presso l’Atomic Studio di Enrico Zavalloni, conta in tutto 13 brani di cui due cover arrangiate in chiave rock ‘n’roll con l’ormai inconfondibile sound del ”quartetto romagnolo”.

arteraFormazioneartera[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Formazione Attuale

Ex Componenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessio Pellegrini [2] – voce
  • Thomas Lisi - tastiere
  • Francesco Rossi [2] – voce chitarra
  • Mirko Dellapasqua - chitarra
  • Enrico Bocchini [3] - Batteria
  • Enrico Giulianini “Giulio”[4] - voce, sax, armonica;

arteraDiscografiaartera[modifica | modifica wikitesto]

[2008] The Strikeballs (demo)[modifica | modifica wikitesto]

Registrazione e master da Massi presso lo “Studio 21” di Savignano Sul Rubicone

  1. Big Red Surf
  2. Qualcuno mi dica che fine ha fatto Sam [12]
  3. Too Much Money
  4. Diamond Stomp
  5. Fishnet Stockings [13]

[2009] Grand Roulette[modifica | modifica wikitesto]

Rregistrazione e master presso Atomic Studio di Enrico Zavalloni - Longiano

  1. Big Red Surf
  2. Son Of A Preacher Man [14] [15]
  3. Diamond Stomp
  4. Ketty The Cat
  5. Il Duka Di Kent
  6. Notte A Dublino [16]
  7. What Do You Want [15]
  8. Qualcuno Mi Dica Che Fine Ha Fatto Sam [12]
  9. Mud On The Road
  10. Whiskey And Cadillac
  11. Delusa [16]
  12. Samba Souvenir [15]
  13. Too Much Money

[2014] Al Verde[modifica | modifica wikitesto]

registrazione presso: "Strikeballs studio", mix e master presso Little Box Studio di Luca Guidi

  1. Ice Cream [17] [18]
  2. Samba Tropicale
  3. Al Verde
  4. Romagna Mia [19]
  5. Lo Stretto Indispensabile [20]
  6. Donna Facile [18]
  7. Il Poker
  8. My Love Forever More [21]
  9. Fumo Negli Occhi
  10. Giramondo

arteraCollegamenti Esterniartera[modifica | modifica wikitesto]

arteraArtisti Consigliatiartera[modifica | modifica wikitesto]

arteraNoteartera[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b è un termine coniato dalla band che non ha un significato vero e proprio; si vuole evocare la musica e l'atmosfera che ruotava attorno al gioco del bowling tanto in voga negli anni 50. Lo scopo della band è comporre canzoni che sappiano fondere la tradizione americana con quella italiana, un sound rock'n'roll moderno con un cantato italiano.
  2. ^ a b c insieme al chitarrista e cantante Francesco Rossi si erano già esibiti in più occasioni col nome di "Bufalo A Billy". La formazione venne poi modificata con la partecipazione speciale di Thomas Lisi alle tastiere e successivamente Alessio Pellegrini alla voce.
  3. ^ festival rockabilly organizzato da Enrico Giulianini in collaborazione con l'Associazione Tresessanta presso l'Ex Macello di Gambettola. Oltre ai The Strikeballs, hanno partecipato altre band rock'n'roll della zona quali: The King Lion & the Braves, The Marvellous e Wheels Fargo and the Nightingale.
  4. ^ a b inizialmente cantante e contrabbassista nei Budold Boys, trio cover di Elvis Presley. Ha suonato il sassofono in gruppi diversi gruppi tra i quali The Good Fellas e i primi Mamasita. Dopo il periodo con gli Strikeballs si è inscritto al Conservatorio di Musica "Francesco Venezze" di Rovigo dedicandosi completamente allo studio della musica classica e jazz.
  5. ^ ex battersta dei The Strikeballs, ha suonato con diverse band tra le quali: Chuckson, Last Killers, Enri in Trio, Granturismo e Sacri Cuori. Attualmente collabora con la cantante Mara.
  6. ^ ex batterista dei Chuckson (Jimi Hendrix tribute), suona per qualche anno nei The Eagles Road (gruppo blues-rock) per poi dedicarsi completamente ai The Strikeballs.
  7. ^ violinista e cantante di San Mauro Pascoli. Ha suonato per diversi anni nei Romantic Modernist, una formazione da lei creata di soli archi.
  8. ^ Trombettista, arrangiatore, cantante ed eroe dell’ukulele, Enrico Farnedi è noto ai più per essere dal ’97 trombettista e voce della swing band The Good Fellas. La sua carriera di trombettista e polistrumentista lo ha visto collaborare, fra gli altri, con Vinicio Capossela, Quintorigo, Montefiori Cocktail, Tanita Tikaram, Cesare Cremonini, Saluti da Saturno, Françoise Hardy, Sacri Cuori, Cochi & Renato.
  9. ^ in ordine: Ilvers, Erfurt (DE); Club Hanseat, Salzwedel (DE) Ceska 1, Kutna Hora (CZ); Cross Club, Prague (CZ); Subway to Peter, Chemnitz (DE); Subrosa, Dortmund (DE); Sound N Arts, Bamberg (DE).
  10. ^ in questa versione gli Strikeballs propongono un repertorio leggermente differente da quello ordinario.
  11. ^ in ordine: Cafè Bar Mokka, Thun (CH); Esperanza, Schwäbisch Gmünd (DE); Sonic Ballroom, Köln (DE).
  12. ^ canzone originale scritta da Lucky Luciano (The Goodfellas) arrangiata in stile country-rock’n’roll dagli Strikeballs
  13. ^ canzone originale scritta da “The Stray Cats
  14. ^ canzone scritta da John Hurley and Ronnie Wilkins, resa celebre da Dusty Springfield, arrangiata in stile rock’n’roll dai The Strikeballs.
  15. ^ a b c Tromba suonata da Paride Silvio
  16. ^ a b Hammond suonato da Enrico Zavalloni
  17. ^ la canzone originale è stata scritta nel 1927 a New Orleans da Howard Johnson, Billy Moll e Robert King, Una canzone della tradizione jazz amercana arrangiata in stile rock’n’roll dai The Strikeballs.
  18. ^ a b parti di sassofono eseguite da Giorgio Pacioni, fratello di Pier Paolo Pacioni
  19. ^ è la più celebre canzone della tradizione romagnola, scritta a Milano nel 1954 da Secondo Casadei. La canzone è stata arrangiata in stile tex-mex music.
  20. ^ arrangiamento della versione italiana di The Bare Necessities; canzone scritta nel 1967 da Terry Gilkyson per il lungometraggio animato della Disney Il libro della giungla. Le parti di trombone se state eseguita da Marcello Jandu Detti mentre le parti di sassofono da Enrico Giulianini.
  21. ^ la canzone originale è stata scritta nel 2011 dai The Hillbilly Moon Explosion.
Estratto da ""